Home Articoli Piano d'azione per i diritti umani e la democrazia (2015-2019)

Piano d'azione per i diritti umani e la democrazia (2015-2019)

390
0
CONDIVIDI
Palais de Justice Rome Cour suprême de cassation

COMUNICAZIONE CONGIUNTA AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

Piano d’azione per i diritti umani e la democrazia (2015-2019) “Mantenere i diritti umani al centro dell’azione dell’UE

Il 28 aprile 2015, è stata trasmessa al Parlamento europeo la comunicazione congiunta della Commissione europea e dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza in materia di diritti umani. Il testo intende contribuire all’elaborazione di un nuovo piano d’azione sui diritti umani e la democrazia per il periodo 2015-2019.

L’Unione è sempre più consapevole che la globalizzazione comporta nuove sfide che complicano ulteriormente la protezione dei diritti umani. Parimenti, l’Unione mira a mantenere i diritti umani al centro della sua azione esterna basandosi su diverse fonti interne ed esterne. In primo luogo, l’articolo 21 TUE orienta l’azione esterna dell’Unione e ribadisce il suo ruolo nel promuovere la democrazia, lo Stato di diritto, l’universalità e indivisibilità dei diritti dell’uomo e il rispetto dei principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale. Ancora, la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea è vincolante nei confronti delle istituzioni dell’UE e degli Stati membri nell’attuazione del diritto dell’Unione. L’UE aderisce inoltre ad alcuni strumenti delle Nazioni Unite e del Consiglio d’Europa, come la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD). È su questi pilastri che poggia l’azione dell’Unione come difensore dei diritti umani sulla scena mondiale.

Per il testo integrale, clicca qui